Ibrahimovic
Marco Luzzani/Getty Images

Zlatan Ibrahimovic ha cambiato completamente il volto del Milan fin dal suo arrivo, trascinandolo in vetta alla classifica della Serie A in questo pazzo campionato. Una forza della natura lo svedese, capace di migliorare le prestazioni di tutti i suoi compagni, alzando l’asticella in ogni allenamento.

Ibrahimovic
Emilio Andreoli/Getty Images

Sulle qualità di Ibra si è soffermato il suo agente Mino Raiola, parlando ai microfoni del  quotidiano olandese de Volkskrant: Ibrahimovic ha resuscitato tutto il Milan. Ed è tutt’altro che finito, giocherà a calcio fin quando lo porteranno via in barella. Può andare avanti fino a 50 anni, ma solo se giocherà ad alti livelli. Al Milan ha resuscitato tutti ed è il 90% della squadra. Con quelle frasi sul fatto che è Dio si mette alla prova: è autocritico alla follia. La sconfitta lo fa impazzire, non gli appartiene. Deve giocare bene sempre, non vuole farlo una sola volta: e deve farlo tutta la squadra. E lui ci riesce. Prima che arrivasse lui, dov’erano PSG e Milan? Riposiziona il livello del club, che poi ne beneficia per il futuro. Reagisce alle difficoltà e trova sempre la forza di andare avanti. Il motivo per cui è sempre al top? Un giorno doveva prendere un aereo alle 11, avevano giocato la sera prima. Un compagno gli diede appuntamento alle 10.30 ma Zlatan ha risposto ‘No, sarai qui alle 8.30’: l’altro gli chiede perché e Ibra risponde ‘Ci alleneremo per due ore’“.