Morbidelli
Mirco Lazzari gp/Getty Images

Terza vittoria in stagione per Franco Morbidelli che, dopo Misano e Aragon, mette il suo zampino anche su Valencia. Un successo diverso rispetto ai precedenti, perché arrivato con dopo una battaglia selvaggia con Jack Miller, costretto ad accontentarsi della seconda posizione.

Morbidelli
Mirco Lazzari gp/Getty Images

Una sfida all’ultimo sangue, su cui Morbido si è soffermato nel post gara: “è stata una gara durissima perché ho cercato di spingere al massimo dall’inizio alla fine per scappare. non volevo lottare con Jack perché so che con lui è sempre una battaglia dura. ma lui è stato così bravo da rientrare alla fine e passarmi. Mi ha passo e l’ultimo giro è stata una lotta tra cani. Alla fine ho vinto, ma lui è stato bravo tanto quanto me. Io non ho mai spinto così tanto dall’inizio alla fine in una gara. E’ stata una gara incredibile“. Morbidelli poi si è tolto un sassolino dalla scarpa con la Yamaha: “essere il migliore Yamaha mi fa un bell’effetto. A inizio anno ero un po’ arrabbiato per la scelta fatta da Yamaha, avendo la moto dell’anno prima. Ma grazie a chi lavora con me ho incanalato la rabbia nel lavoro. Sia a casa che ai test. Così abbiamo reso questa moto che non è affatto male, l’abbiamo fatta rendere al massimo su tante piste. Ringrazio la conoscenza immensa di Ramon Forcada che ha inciso così tanto. Sono felicissimo di essere il miglior pilota Yamaha“.