Conte primo piano
Pool/Getty Images

L’obiettivo a breve termine di Antonio Conte è quello di vincere con l’Inter, ma nel suo futuro l’allenatore pugliese vede un’altra esperienza in Premier League. Lo ha confermato lui stesso ai microfoni del ‘Telegraph’, sottolineando come anche la sua famiglia desidererebbe tornare in Inghilterra.

Paolo Rattini/Getty Images

Una voglia a cui, prima o poi, Conte cederà: “all’Inter onestamente penso che l’anno scorso abbiamo fatto qualcosa di incredibile, abbiamo finito un punto dietro la Juve e siamo arrivati in finale di Europa League. Il progetto è quello di rimanere ai vertici ogni anno e provare a vincere trofei. So che le aspettative su di me sono alte, perciò sono molto criticato se non vinco. Ma d’altro canto questo significa che la gente mi reputa bravo in ciò che faccio. Voglio fare un’altra esperienza in Inghilterra, lo desidero sia io che la mia famiglia. Mi è piaciuto starci e respirare l’atmosfera inglese”.

Terry e Conte
Shaun Botterill/Getty Images

Sull’esperienza al Chelsea, Conte ha svelato: “avevo chiesto due giocatori e c’eravamo molto vicini dopo aver vinto il campionato. Erano Van Dijk e Lukaku. Eravamo in contatto con loro ogni giorno e ho sempre detto che con questi due giocatori la squadra sarebbe migliorata del 30%. Abbiamo perso il momentum per portare il Chelsea al top e lasciarlo lì per molti anni. È stato un peccato che non sia accaduto, ciò che stanno facendo Romelu e Virgil conferma che la mia idea era giusta”