Gattuso
Francesco Pecoraro/Getty Images

Terza sconfitta consecutiva al San Paolo per il Napoli, che cede il passo anche al Milan nonostante una buona prestazione.

Milan
Francesco Pecoraro/Getty Images

Pesano gli errori individuali e il rosso a Bakayoko, arrivato in un momento decisivo della sfida, ossia dopo il momentaneo 1-2 di Mertens. Una sconfitta che brucia soprattutto per Gattuso, apparso alquanto deluso nel post gara ai microfoni di Sky Sport: “il Milan non ci è stato assolutamente superiore. Abbiamo fatto tutto noi oggi, ci siamo fatti del male da soli. Il Milan ha caratteristiche ben precise, quando recuperano palla con Ibrahimovic e Rebic ribaltano subito l’azione. Il Milan per qualità di gioco non è stato superiore. Noi abbiamo costruito tanto”.

Napoli
Francesco Pecoraro/Getty Images

L’allenatore del Napoli ha poi sferzato la sua squadra: “quando arriva una partita importante succede sempre qualcosa, è un mio problema e forse sono io che non riesco a far interpretare le partite in un certo modo. Non è un caso se commettiamo questi errori, ci dobbiamo assumere le responsabilità e dobbiamo giocare più seriamente, bisogna stare sul pezzo e non pensare più che perdiamo per sfortuna, dovremmo arrivare a queste partite con un altro atteggiamento, giocare bene non basta. Noi abbiamo giocato bene ma ci manca lo step della mentalità, che non è solo saper giocare a calcio, bisogna crederci e incoraggiarsi, facciamo troppo i professori”.

Ibrahimovic
Francesco Pecoraro/Getty Images

Gattuso infine si è soffermato su Ibrahimovic: “la gomitata che ha dato a Koulibaly sembra un colpo alla Mike Tyson, ma c’è gente al Var che giudica e fa il suo lavoro. Nel Milan tutti credono fortemente in Ibra, tutti danno il 100% per lui, oggi è più forte di dieci anni fa. Non è la squadra più forte, ma giocano bene”.