L’orgoglio della tigre, Federica Pellegrini rifiuta il pass olimpico… d’ufficio

La nuotatrice veneta ha fatto sapere alla Federazione di non volere il pass olimpico d'ufficio, l'obiettivo è meritarselo in acqua a suon di bracciate

Federica Pellegrini non vuole regali, la Divina non ha intenzione di qualificarsi d’ufficio alle prossime Olimpiadi di Tokyo 2021, come proposto dal direttore tecnico Cesare Butini.

Federica Pellegrini
Paolo Bruno/Getty Images

Secondo alcune indiscrezioni emerse nelle ultime ore, pare che la nuotatrice veneta abbia inviato una mail alla Federnuoto sottolineando di non voler godere di questo privilegio, preferendo guadagnarsi in acqua a colpi di bracciate il proprio pass olimpico. Una decisione che ha spiazzato la Federazione, chiamata adesso a decidere su questa spinosa questione nel prossimo Consiglio, dal momento che riguarda anche altri importanti atleti.

Pellegrini
Quinn Rooney/Getty Images

Federica Pelegrini avrà due opportunità per qualificarsi alle Olimpiadi, la prima è legata ai tricolori invernali di Riccione del 17 dicembre, dove sicuramente non sarà ancora in forma per riuscirci. La seconda invece è prevista invece a marzo, quando Fede sarà in condizione di affrontare i suoi 200 dopo la classica preparazione invernale. Il crono richiesto è 1’56″9 per i 200 sl, un riferimento che la Pellegrini ha ampiamente nelle sue braccia, per questo motivo non ha intenzione di ricevere regali per una questione d’orgoglio sua personale. L’appuntamento con la sua quinta Olimpiade è fissato a marzo, lì ha intenzione di prendersi ciò che gli spetta. Non d’ufficio ma in acqua, come ha sempre fatto nel corso della sua splendida carriera.

LEGGI ANCHE:

  1. La Federnuoto fa un regalo a Federica Pellegrini, la Divina è già ‘qualificata’ alle Olimpiadi

  2. La FIN qualifica Federica Pellegrini ai Giochi, Martina Carraro è una furia: “regole inventate per certi atleti”