Corona
Tullio M. Puglia/Getty Images

Fabrizio Corona è sempre stato un tipo bordeline, che non ha mai amato le mezze misure. Finito in carcere e poi uscito dopo sei anni, l’ex fotografo dei vip si è cimentato anche nella scrittura, pubblicando un libro in cui ha raccontato tutti i retroscena della sua vita. “Come ho inventato l’Italia“, il titolo della sua opera, all’interno della quale Corona ha anche svelato di aver rischiato due volte di essere ucciso.

Instagram @verissimotv

L’episodio nei particolari lo ha raccontato al Corriere della Sera: “arrivano in ufficio. Uno dice: Corona, hai un problema con xx, vedi di dargli i soldi immediatamente. E io: ah sì? Usciamo e vediamo. Scendo, il mio autista mi segue e scatta la rissa. Accorrono baristi, tabaccai, gli albanesi scappano. Dopo un po’, un tale mi dice che c’è uno pesante di una famiglia balorda che mi vuole parlare. Era grossissimo e sul cucuzzolo della testa rasata aveva tatuata la sigla Acab: ‘all cops are bastards’, tutti i poliziotti sono bastardi. Mi dice: sono venuti due albanesi per comprare una pistola e noi, prima di vendere una pistola, vogliamo sapere a che servirà”. “Immagino a gambizzarmi”. Il soggetto con Acab sulla testa, poi condannato a 21 anni per associazione per delinquere con aggravante mafiosa, dice che lui e suoi si sono messi di mezzo perché mi rispettano. Insomma, combiniamo un appuntamento, lui, io, gli albanesi, il creditore. Che ha capito il messaggio e non s’è più visto“.

fabrizio coronaCorona poi ha sottolineato di esser convinto di morire per omicidio: “penso che morirò ammazzato. Ho fatto sei anni di carcere, anche in quelli di criminali efferati, gente di cui ho dovuto essere amico per salvare la pelle e che, quando escono, sanno dove trovarmi. Ora, magari arrivano e dicono: prestami diecimila euro. E io: ‘sto cavolo. Poi, dai domiciliari, esco per andare allo Smi, un centro di recupero di esecuzione penale, e lì ci sono altri criminali, che pure vogliono favori. Prima, davo retta, ora, fingo di non sentire, li mando a quel paese. E questa è gente che se la prende. Tanti mi vorrebbero morto“.

corona
Instagram @adelet_official

Sulle proprie storie d’amore, Corona ha ammesso: “ti innamori degli altri che si innamorano della tua storia. Io, più Belén Rodriguez o Nina Moric diventavano famose, più le amavo. Ma ora so che non era vero amore. Se ami, non potresti fare quello che fai alle persone con cui stai. Tipo ho venduto le foto di me e Belén che facevamo l’amore alle Maldive e ho finto di cercare, disperato, chi aveva osato scattarle“.