Mark Thompson/Getty Images

Bicchiere mezzo pieno per la Ferrari a Imola, Mattia Binotto appare soddisfatto della prestazione di Leclerc e Vettel, anche se il tedesco ha chiuso fuori dalla zona punti.

Leclerc
Peter Fox/Getty Images

Il team principal del Cavallino ha analizzato quanto avvenuto in pista, partendo dal comportamento della vettura: “cercavamo consistenza sul passo gara e l’abbiamo ottenuta anche su una pista completamente diversa da Portimao e con le stesse mescole del Nurburgring. Questa volta con le soft non abbiamo sofferto come in Germania, sia a livello di graining che di degrado, quindi penso che questa sia la parte positiva. Il passo gara era buono e Charles con le soft riusciva ad andare più forte di Ricciardo. Peccato quindi per la qualifica di ieri. Sebastian sicuramente si trova più a suo agio con questa vettura che con quella di qualche gara fa, lo sta dimostrando il suo passo gara. Anche a Portimao tutto sommato lo aveva fatto. Spero per lui che nelle prossime gare non combineremo altri pasticci al pit stop“.

Vettel
Rudy Carezzevoli/Getty Images

Sulla strategia di Vettel, il team principal svizzero ha sottolineato: “abbiamo cercato di lasciarlo fuori a lungo con le medie per provare a guadagnare delle posizioni, ma quando si era stabilizzato era il momento di rientrare. Quindi la strategia di Seb era buona, ma abbiamo pasticciato al pit stop. La Mercedes? Il segreto di questa consistenza per mia fortuna l’ho conosciuto all’inizio degli anni 2000. Conosco la ricetta, poi va messa in atto. Quelle sensazioni che loro provano oggi, le ho provate a mia volta in passato. Non ci sono segreti, se non lavorare bene, migliorare continuamente e rinforzarsi un passo alla volta“.