Alessandro Sabattini/Getty Images

Si è arrampicato fino al secondo posto in classifica, facendo giocare il suo Sassuolo in modo fluido e frizzante, diventando in breve tempo la sorpresa più lieta di questa Serie A.

Domenico Berardi
Foto Getty / Marco Luzzani

Roberto De Zerbi però non ha nessuna intenzione di fermarsi e, intervistato da Paolo Condò per Repubblica, ha messo alcune cose in chiaro: “vogliamo l’Europa e stiamo migliorando ma serve che almeno una delle prime sette buchi la stagione perché sono più forti, anche se forse non tutte. Senza l’Europa il ciclo di questo gruppo sarebbe concluso e l’anno prossimo bisognerebbe ripartire, ma non è detto che me ne vada. Non firmo per nulla, nemmeno per un 4° posto. Mi toglierebbe tutto il divertimento di una stagione da decifrare“.

Boga
Tullio M. Puglia/Getty Images

Sui singoli infine, De Zerbi non si è nascosto, esaltando i propri giocatori: “Boga nell’uno contro uno viene dopo Messi e poi… dovrei pensarci. Locatelli è il miglior centrocampista italiano e ha sovrastato Wijnaldum in Nazionale. Qui aspettiamo i giocatori. Berardi è consapevole che è anche l’ambiente a conferirgli la forza che ha, la sua permanenza felice al Sassuolo va contro le regole“.