Roberto Mancini positivo al Coronavirus, adesso caro ct non è più colpa dei tg?

Qualche settimana fa aveva ironizzato sul Coronavirus, oggi Roberto Mancini è risultato positivo: quando il silenzio è meglio di mille parole

SportFair

Poco più di due settimane fa aveva postato sui propri canali social una vignetta di cattivo gusto, facendo indignare soprattutto la gente malata di Coronavirus, costretta a fare i conti con il Covid e a incassare l’ironia di Roberto Mancini.

Mancini
Claudio Villa/Getty Images

Come ti sei ammalato?” chiedeva nell’immagine l’infermiera al paziente, ricevendo questa risposta: “guardando i tg“. Ebbene, a distanza di 15 giorni, il ct della Nazionale Italiana è risultato positivo al Coronavirus, una beffa del destino che sicuramente adesso non lo farà sdrammatizzare. Un po’ come accaduto con Boris Johnson e Donald Trump, apparsi in pubblico per sminuire la portata del virus, salvo poi ritrovarsi infetti e costretti alla quarantena.

Questa volta è toccato al ct ricredersi, in seguito alla sua positività annunciata dal sito della FIGC: “nell’ambito dei controlli periodici effettuati dalla Figc per i componenti degli staff tecnici delle Nazionali in vista dei prossimi impegni nelle competizioni Uefa, il Ct Roberto Mancini è risultato positivo al Covid-19.Del tutto asintomatico, nel rispetto delle disposizioni vigenti, il tecnico degli Azzurri si è posto in isolamento fiduciario presso la propria abitazione a Roma. La Figc ha tempestivamente avvisato la Asl territorialmente competente. Il Ct potrà aggregarsi al raduno della Nazionale a Coverciano una volta completato il percorso previsto dalle norme e dai protocolli Uefa Return to play e Figc”. Già due settimane fa Mancini aveva fatto marcia indietro scusandosi per la vignetta, forse però questa volta le scuse dovrebbe farle ai giornalisti, mettendoci la faccia e ammettendo di aver fatto una gran figura barbina.