Attilio Fontana
Foto Getty / Robert Hradil

I numeri dell’emergenza Coronavirus in Lombardia stanno migliorando, negli ultimi giorni l’aumento dei contagi si è stabilizzato e si cominciano a vedere i primi dati positivi di questa seconda ondata.

Vittorio Zunino Celotto/Getty Images

A fare chiarezza sulla situazione è stato il governatore Fontana, intervenuto a ‘Mattino 5’: “il nostro Rt è sceso in maniera sostanziale, tanto che in base ai numeri noi rientreremmo oggi in una zona arancione. E’ ovvio che, in base al Dpcm, una questione di cautela impone che quando si entra in una certa zona si debbano confermare i dati per due settimane, quindi noi fino al 27 novembre resteremo in zona rossa. Adesso siamo in una fase in cui c’è un aumento, ma molto più ridotto, siamo arrivati in cima al plateau e siamo in una fase in cui camminiamo in pianura e presto inizierà la discesa. E’ meglio avere un po’ di cautela iniziale e cercare di metterci in sicurezza, anche perché dobbiamo fare il Natale e dobbiamo farlo con una certa libertà“.

Milos Bicanski/Getty Images

Il governatore della Lombardia poi ha proseguito: “questi miglioramenti non sono determinati dal lockdown dello Stato, perché gli effetti di una misura si vedono dopo almeno 15 giorni. Adesso stiamo vivendo i risultati che derivano all’ordinanza della Regione Lombardia del 22 ottobre. Tra qualche giorno inizieremo a vedere i risultati del lockdown nazionale. Adesso siamo in una fase in cui c’è un aumento ma molto più ridotto“.