giuseppe conte
Chris J Ratcliffe/Getty Images

Il premier Conte si è presentato davanti ai deputati della Camera questa mattina per esporre quello che sarà l’orientamento del Governo nel prossimo Dpcm, che dovrebbe essere annunciato nella giornata di domani.

Conte
Chris J Ratcliffe/Getty Images

Il presidente del Consiglio ha ammesso come la situazione sia alquanto grave, per questo motivo urgono misure più restrittive: “rimetto al Parlamento ogni decisione rispetto alla necessità di misure necessarie con la massima speditezza. Il Parlamento potrà esprimersi prima dei provvedimenti del governo e do la mia disponibilità ad accogliere i rilievi che arriveranno. L’Europa è tra le più colpite dalla seconda ondata. In Italia aumentano i contagi, ma anche i test e i tamponi. Si conferma il quadro grave su tutto il territorio nazionale, 11 regioni e province autonome a rischio elevato o molto elevato. Esiste un’alta probabilità che 15 regioni arrivino a soglie critiche nei reparti di terapie intensive nel prossimo mese. Alla luce dell’ultimo report di venerdì e della situazione particolarmente critica in alcune regioni siamo costretti a intervenire in una  ottica di prudenza per mitigare il contagio  con una strategia che va modulata sulle differenti criticità delle Regioni”.