L’ospedale comunica la morte di un anziano: i parenti organizzano il funerale, ma lui è ancora vivo

Una situazione grottesca quella avvenuta a Foggia, dove è stata comunicata alla famiglia la morte di un loro anziano parente ancora in vita

E’ davvero clamoroso quanto successo a Foggia, dove la Procura sta indagando per quanto accaduto a Fernando Cristiani, un anziano 86enne malato di Coronavirus. Qualche giorno fa, il Policlinico Riuniti della città pugliese ha comunicato telefonicamente ai familiari dell’anziano signore la sua scomparsa, dovuta a delle complicazioni sorte dopo il contagio, avvenuto nella RSA ‘Fondazione Palena’ dove era residente prima del trasferimento in ospedale.

Coronavirus
Michele Lapini/Getty Images

Una telefonata effettuata nella notte tra il 18 e il 19 novembre, effettuata dal Pronto Soccorso prima alla residenza e poi alla famiglia: “vogliamo realmente capire chi, dal Pronto Soccorso, ha fatto la telefonata per informare la direttrice della casa di riposo del decesso di mio suocero” le parole di Paola Cristiani, nuora del pensionato. “Noi abbiamo ricevuto una telefonata alle 2:44 del mattino, ma è partita la segreteria telefonica. La direttrice della struttura ha ricevuto invece una chiamata quattro minuti prima dal pronto soccorso, nel corso della quale la informavano del decesso di mio suocero“.

Coronavirus
WPA Pool/Getty Images

Solo molte ore dopo, quando ormai la famiglia aveva già predisposto i funerali e fatto affiggere in città i manifesti della scomparsa del signor Cristiani, ecco la nuova telefonata: “ci ha chiamato una infermiera dal Pronto Soccorso per informarci che mio suocero è grave ma è tuttora vivo. Vogliamo solo accertare chi sia stato il colpevole di tale gesto” la chiosa della nuora.