Marquez GP Jerez
Mirco Lazzari gp/Getty Images

La situazione si complica ogni giorno di più, il braccio destro di Marc Marquez non guarisce e la Honda sta cominciando ad andare nel panico, anche in vista del prossimo Mondiale 2021.

Marquez mascherina
Mirco Lazzari gp/Getty Images

I prossimi dieci giorni saranno fondamentali per capire quale sarà il destino dello spagnolo, che si avvicina sempre più ad una nuova operazione chirurgica, sarebbe la terza dall’incidente del 19 luglio a Jerez, a causa di una mancata calcificazione dell’osso. L’obiettivo è quello di evitare una pseudoartrosi omerale, che potrebbe mettere fine alla carriera di Marc Marquez. Le due operazioni effettuate a Barcellona la scorsa estate potrebbero aver pregiudicato il recupero di Marc, visto che i numerosi fori praticati per ‘saldare’ le placche hanno indebolito l’osso, condizionandone la formazione del callo.

marc marquez
Foto Getty / Mirco Lazzari gp

Gli ultimi mesi sono stati molto intensi per il pilota della Honda, che si è rivolto a numerosi specialisti per capire come comportarsi. Prima il consulto in Austria presso il Red Bull Trainingszentrum di Thalgau, poi quello con l’americana Mayo Clinic, infine il rientro a Madrid. Il rischio di pseudoartrosi omerale comporterebbe la necessità di un nuovo intervento che, secondo il dottor Porcellini dell’Unimor intervenuto alla Gazzetta dello Sport, avrebbe il fine di “inserire una nuova placca così da rinforzare l’omero con osso di banca da cadavere e midollo osseo prelevato dalla cresta iliaca con fattori di crescita dal sangue. Così aiuti la biologia dell’osso fratturato a guarire“.

Mirco Lazzari gp/Getty Images

Questo tipo di operazione comporterebbe per Marquez uno stop di almeno sei mesi, tre per l’immobilizzazione forzata del braccio destro e altri tre per una complessa riabilitazione. Il Mondiale 2021 partirà il 28 marzo in Qatar, ossia tra quattro mesi e mezzo, dunque lo spagnolo si troverebbe già in ritardo per poter tentare l’assalto al titolo. Una situazione davvero complessa che spinge la Honda a correre ai ripari, iniziando a pensare ad un eventuale sostituto che possa fare le veci di Marc Marquez. Dovizioso ha appena annunciato il ritiro momentaneo ma, in caso di chiamata della Honda, difficilmente si lascerebbe scappare questa occasione.