Scholes
Matthew Lewis/Getty Images

Il 14 novembre è la Giornata mondiale del diabete, il motivo è legato alla nascita di Frederick Grant Banting, colui che riuscì a scoprire l’insulina.

Paolo Rattini/Getty Images

Una ricorrenza utile per sensibilizzare tutte le persone su una malattia particolare, che la scienza è riuscita però a rendere controllabile. Tante le persone che ne soffrono, tra cui anche molti calciatori professionisti, che devono o hanno dovuto fare i conti con le conseguenze di questo male nel corso della propria carriera.

Chi sono i calciatori professionisti diabetici?

Borja Mayoral – Il nuovo giocatore della Roma, arrivato nell’ultima finestra di mercato, ha scoperto di soffrire di diabete a 12 anni, quando sentì bisogno di bere durante l’intervallo di un match.

Paul Scholes – Nonostante soffrisse di questa malattia, l’ex centrocampista del Manchester United è riuscito a portare a casa 11 Premier League, 2 Champions League, un Mondiale per club e tanti altri riconoscimenti.

Ozan Kabak – Solo 20 anni ma già il peso di dover convivere con questa malattia, che comunque non gli sta impedendo di imporsi a livello internazionale.

Nacho Fernandez – Il giocatore del Real Madrid fa i conti anche lui con il diabete, una situazione che comunque non gli ha evitato di collezionare ben 200 presenze con la maglia dei blancos.

Nicolas Amodio – L’uruguaiano ha giocato in Italia con le maglie di Sambenedettese, Piacenza, Mantova, Lecce e Napoli. Ha sofferto di diabete, ma è riuscito comunque ad avere una lunga carriera.