Sarri
Alessandro Sabattini/Getty Images

Il contratto è ancora in essere, Maurizio Sarri e la Juventus stanno lavorando per poterlo risolvere il primo possibile, magari già entro il mese di ottobre che si concluderà domani. L’accordo però tra l’allenatore toscano e il club bianconero non c’è ancora.

Agnelli
Alessandro Sabattini/Getty Images

Il motivo? Una penale che l’ex Chelsea ha intenzione di ricevere, ossia 2,5 milioni di euro che la Juve deve versargli per non aver esercitato il rinnovo del contratto fino al 2022, conseguenza dell’esonero avvenuto lo scorso luglio. Sarri vuole che quei soldi gli vengano versati, oltre allo stipendio di 5,5 milioni e le tre mensilità che la scorsa primavera furono riversate nel prossimo bilancio. La Juve propone una spalmatura che coinvolge anche la stagione 2021/2022, troppo per l’allenatore toscano, che non ha intenzione di diluire in questo tempo i suoi emolumenti. Manca dunque l’accordo tra le parti, qualcosa dovrebbe muoversi tra oggi e domani, ma la fumata bianca appare al momento abbastanza lontana.