Sgarbi
Roberto Serra/Iguana Press/Getty Images

Il nuovo Dpcm entrato in vigore oggi non è affatto piaciuto a Vittorio Sgarbi, il sindaco di Sutri infatti ha attaccato duramente il premier Conte e la squadra di Governo per le ultime misure anti-Covid, prima tra tutte la mascherina anche in casa.

Giuseppe Conte
Foto Getty / Vittorio Zunino Celotto

Intervenuto a Radio Radio, Sgarbi non si è trattenuto: “la mascherina in casa? Conte può andare a dar via il culo, come probabilmente fatto in altri momenti della sua vita, e non rompere i coglioni sulla casa. A casa uno fa quel cazzo che vuole, deve fare pompini con la mascherina. Ha rotto il cazzo. Qualunque medico all’aperto dice di non dover portare la mascherina, la distanza di un metro la rispettiamo da mesi. Sono pantomime ridicole queste teste di cazzo. Come d’inverno ci mettiamo i maglioni, le persone sono abbastanza avvedute da fare quel che serve senza l’assistente che gli spiega cosa fare. Hanno rotto il cazzo. Parlare di mascherine in casa potevano evitarlo. Conte si metta anche un mattarello nel culo se vuole“.