ezpeleta
Mirco Lazzari gp/Getty Images

Archiviato il GP di Teruel con la vittoria di Franco Morbidelli, la MotoGp ha da affrontare al momento solo tre gare del Mondiale 2020: le due di Valencia e l’ultima di Portimao.

Michele Zasa
Mirco Lazzari gp – foto Getty

L’aumento dei casi di Coronavirus in tutta Europa, Spagna compresa, al momento non mette in pericolo i tre appuntamenti iberici, come confermato da Ezpeleta a motogp.com: “al momento non è cambiato nulla, c’è uno stato di allarme in Spagna ma in linea di massima non influisce sulla nostra situazione. Lavoriamo per svolgere i Gran Premi e, durante gli orari del weekend, le limitazioni che partono dalla 22 di sera fino al mattino non ci coinvolgono. Al momento possiamo continuare. In ogni caso siamo in stretto contatto con le autorità di ogni luogo e, per ora, non abbiamo ricevuto alcun tipo di informazione al riguardo”.

Carmelo Ezpeleta
Foto Getty / Mirco Lazzari gp

Il CEO della Dorna ha poi proseguito: “la situazione si sta rivelando come avevamo previsto all’inizio: controlliamo i casi di positività, ce ne sono stati alcuni in Austria, e poi negli altri luoghi sono stati trovati positivi una o due persone, abbiamo avuto qualche problema. La cosa più importante è che, attraverso i test che stiamo facendo, siamo in grado di controllare tutto e sapere qual è la situazione. In questo momento non vediamo problemi in futuro, però rimaniamo a stretto contatto con le autorità locali. Restano sono Valencia e Portimão e al momento non abbiamo ricevuto alcuna segnalazione”.