Getty Images

Il futuro di Andrea Dovizioso e quello di Andrea Iannone sembrano essere sempre più legati a doppio filo, con un’Aprilia che aspetta di capire su chi puntare per il 2021.

iannone
Mirco Lazzari gp/Getty Images

The Maniac il 15 ottobre comparirà davanti al Tas di Losanna, che dovrà decidere sull’appello contro la squalifica di 18 mesi inflitta al pilota di Vasto per doping dalla Corte disciplinare internazionale della Federmoto. Nel caso in cui dovesse essere confermata, la Casa di Noale si butterebbe a capofitto su Dovizioso, chiudendo di fatto il rapporto con Iannone. Una decisione, quella dell’ad Rivola, che potrebbe arrivare anche in caso di ‘riabilitazione’ di The Maniac, visto che l’occasione Dovi è davvero di quelle da non sprecare. I primi passi avanti sarebbero stati già compiuti, con l’Aprilia che avrebbe offerto all’attuale pilota della Ducati un contratto da 1,8 milioni a stagione.

dovizioso
Mirco Lazzari gp/Getty Images

Una cifra che Dovizioso potrebbe anche accettare, intrigato dal progetto messo a punti per lui dalla Casa di Noale. Sul tavolo però ci sono anche altre opzioni che non possono essere scartate: su tutte la proposta della Honda per il ruolo di tester. In questo caso ci sarebbe anche una telefonata tra Marc Marquez e Andrea Dovizioso, un discorso poi non approfondito anche a causa dell’ostracismo di Puig nei confronti del forlivese. Allora come muoversi? Il 15 ottobre sarà comunque il primo spartiacque, in caso di squalifica confermata per Iannone sarà chiara la scelta dell’Aprilia: virare subito su Dovizioso. Non resta che attendere i prossimi giorni, come ammesso dallo stesso pilota Ducati: “Le cose si stanno muovendo per il futuro, ma non ha senso parlare, stiamo entrando nei dettagli, e poi prenderemo una decisione“.