Una tremenda tragedia ha scosso questa notte la zona di Novara, Vercelli e Biella. In seguito ad un incidente automobilistico, Simonluca Agazzone e Matteo Ravetto hanno perso la vita, mentre una terza persona che era con loro è ricoverata adesso in codice giallo.

I due erano molto conosciuti, soprattutto Agazzone, per i trascorsi nel mondo del calcio, vista anche la militanza nelle giovanili del Milan. A causare il violento impatto, secondo le prime indagini della polizia, sarebbe stato l’improvviso attraversamento della carreggiata da parte di due cinghiali, colpiti in pieno dalla Golf su cui viaggiavano i tre che è andata completamente distrutta. Agazzone, ritiratosi due anni fa dopo aver vinto il campionato di Eccellenza con lo Stresa, aveva giocato nelle giovanili del Milan dal 1997 al 2000, vincendo nel ’98 un Torneo di Viareggio da protagonista, segnando il gol decisivo nella finale vinta per 1-0 contro i croati del Varteks Varadzin.

In carriera poi aveva giocato in Serie C con le maglie di Spal, Monza, Spezia, Carrarese, Novara, Portosummaga, Sudtirol e Legnano. Dopo aver abbandonato il calcio due anni fa, aveva cominciato a lavorare nell’attività di famiglia a Borgogno, dedita alla rivendita di carni. Queste le parole di un ex dirigente del Legnano che conosceva bene Agazzone: “Simonluca era uno dei ragazzi più educati che abbia conosciuto nel mondo del calcio, aveva sempre il sorriso e nonostante abbia giocato anche in piazze importanti si è sempre contraddistinto per la sua umiltà, lo chiamavo scherzosamente il Beckham del Lago Maggiore, per la sua somiglianza fisica al campione inglese, in un’incidente assurdo, è morta una persona meravigliosa e per bene“.