(Adnkronos) – ‘Eppure, nonostante questo grande impegno, nel Movimento -lamenta Drago- ha fatto rumore solamente la mia partecipazione al Forum per la Famiglia di Verona. Partecipazione contestata come reato di lesa maestà, mentre venne ignorata la mia presenza a L’Aquila Film Festival, il giorno prima, dove venni invitata a partecipare ad una tavola rotonda, con esponenti di vari schieramenti, organizzata dal mondo lgbt e famiglie arcobaleno, per parlare di vari temi, come unioni civili, coppie di fatto,single, adozioni. Sono per il dialogo e l’ascolto”.
‘Purtroppo, al di là degli impegni traditi sulla famiglia, vi sono state pochissime attenzioni per i docenti vincitori di concorso ed esiliati al Nord, senza aver dato loro la possibilità di poter rientrare nelle città di residenza. Ma anche le tante battaglie per la mia amata isola sono cadute in un cantuccio: poche risposte sull’emergenza sisma, nessun grande piano per le infrastrutture, il tema della sperequazione fiscale mai affrontato, l’istituzione delle zone franche montane in standby”.
“Per tutti questi motivi -conclude Drago- provo dispiacere nei confronti degli elettori, dei siciliani, degli italiani. Ma la battaglia continuerà: c’è ancora molto da fare e molti cittadini attendono, giustamente, risposte dai palazzi della politica. Auguro buona prosecuzione ai colleghi M5s e, come ebbe a dire Moro, ‘la persona prima di tutto’ e ci saranno altri modi e altre forme per essere al servizio della mia terra”.