Milano, 16 ott. (Adnkronos) – “Non vorrei che qualcuno cercasse lo scontro sociale, temo che a gennaio possa esserci qualche problema”. Lo dice il leader della Lega, Matteo Salvini, parlando alla Fiera dell’Ucimu, la BiMu, a Rho Fiera. “Dal primo gennaio c’è lo sblocco dei licenziamenti e degli sfratti: se il governo non previene conosco tanti imprenditori che, non per cattiveria o cattiva volontà, ma per problemi di bilancio, o falliscono o devono rinunciare a qualche collaboratore. Cosa sta pensando di fare il governo per aiutare gli imprenditori per affrontare questa situazione?”, spiega ancora. Salvini condivide quindi la preoccupazione del segretario della Uil, Pierpaolo Bombardieri, secondo il quale ‘se la scelta del governo è quella di accendere lo scontro sociale, noi siamo pronti”.
Il leghista è “terribilmente preoccupato perché il governo non sta ascoltando né le imprese né i sindacati, né le famiglie né gli insegnanti in un momento in cui bisogna ascoltare tutti e coinvolgere tutti. Mi sembra non ci sia questa volontà. L’ho sentito all’assemblea di Assolombarda, lo dicono i sindacati, non va bene, da soli non se ne esce”. A chi gli chiedeva se avessero ricevuto una qualche convocazione, come opposizione, Salvini risponde solo: “Zero”.