Sarà una dodicesima tappa emozionante, una frazione in cui il Giro d’Italia 2020 rende omaggio a Marco Pantani e alla Nove Colli. Oggi i corridori infatti affronteranno un percorso di 204 km che parte e si conclude a Cesenatico, proprio nelle zone dove il Pirata è cresciuto ed è sbocciato.

Inoltre, la tappa ricalca nella sua interezza il percorso della Nove Colli, Granfondo che quest’anno festeggia il proprio cinquantennale. Fatti salvi i primi e gli ultimi 25 km, gli altri oltre 150 km di percorso non presentano un solo tratto di pianura ne un tratto di riposo. Si affronta un continuo susseguirsi di salite e di discese a volte con pendenze in doppia cifra, su strade di carreggiata spesso ristretta e con manto in certi casi usurato. Dai -5 km ai –3 km si corre su strada dalla carreggiata media, prevalentemente rettilinea e raccordata da numerose rotatorie. Ai 2500 m dall’arrivo si scende in curva dal cavalca ferrovia per passare sotto il medesimo in rotatoria a carreggiata ristretta. Ai 1400 m immissione (ultima curva verso sinistra) nel rettilineo finale alcuni due dossi dissuasori di velocità lungo il rettilineo di arrivo, largo 7.5 m su fondo asfaltato.