Non è cambiato granché nella classifica generale dopo la diciassettesima tappa di oggi, con Vincenzo Nibali che è rimasto al settimo posto a tre minuti e mezzo di distacco da Joao Almeida. Nulla è perduto per lo Squalo, che dovrà comunque attaccare a partire dalla frazione di domani per avvicinarsi al podio.

vincenzo nibali
Bryn Lennon/Getty Images

Il corridore dell’alfiere è venuto a sapere oggi della modifica della ventesima tappa, che non prevede più la scalata del Colle dell’Agnello e dell’Izoard, ma il Sestriere tre volte: “la modifica del percorso della penultima tappa cambia radicalmente il peso specifico della gara. Il Colle dell’Agnello, che ho scalato solo una volta, era un vero e proprio ‘mostro’, da togliere il fiato” le parole di Nibali. “La tripletta del Sestriere impone un approccio completamente diverso. Parliamo sempre di una salita importante, ma molto dipenderà dal ritmo con il quale verrà ripetuto il circuito, specialmente dagli uomini di classifica”.

Matteo Dunchi (c)

Sulla tappa di oggi, Nibali ha ammesso: “sulla frazione odierna c’erano tante attese e la partenza è stata intensa. Tanti attacchi nelle prime fasi, poi siamo saliti a un passo regolare. Mi aspettavo che la corsa potesse esplodere da un momento all’altro, ma così non è stato. Sulla salita finale il ritmo era troppo alto e lo spazio per attaccare pochissimo. Chiaramente, alla luce del cambio di percorso di sabato e del risultato di oggi, la tappa di domani diventa la più importante“.