La diciannovesima tappa del Giro d’Italia consegna a Josef Cerny la prima vittoria in carriera in una grande corsa a tappe, ma il successo per il corridore della CCC arriva in una giornata in cui a perdere è l’intero ciclismo.

La protesta avvenuta prima del via di Morbegno ha davvero macchiato questo Giro d’Italia, costretto a perdere gran parte della propria credibilità. Il freddo neanche tanto pungente ha spinto la Direzione Corsa, dietro spinta dei ciclisti, a spostare la partenza ad Abbiategrasso riducendo di oltre 100 km la tappa. Il risultato? Solo due ore e mezza di corsa senza spettacolo, con Cerny unico a sorridere sul traguardo di Asti. In una giornata così grigia, si esaltano solo il ceco, la CCC e Wilco Kelderman che resta in Maglia Rosa a due tappe dalla conclusione.

CLASSIFICA GENERALE
1 – Wilco Kelderman (Team Sunweb)
2 – Jai Hindley (Team Sunweb) a 12”
3 – Tao Geoghegan Hart (Team Ineos Grenadiers) a 15”
4 – Pello Bilbao (Bahrain – McLaren) a 1’19”
5 – João Almeida (Deceuninck – Quick-Step) at 2’16”

MAGLIE

  • Maglia Rosa, leader della classifica generale, sponsorizzata da Enel – Wilco Kelderman (Team Sunweb)
  • Maglia Ciclamino, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Segafredo Zanetti – Arnaud Démare (Groupama – FDJ)
  • Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum – Ruben Guerreiro (EF Pro Cycling)
  • Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Eurospin – Jai Hindley (Team Sunweb)

Il vincitore di tappa Josef Černý, subito dopo l’arrivo, ha dichiarato: “Incedibile, non ho parole. Oggi si è realizzato il mio sogno, sono felicissimo. Dedico questo successo alla mia squadra e alla mia famiglia! Non riesco ancora a crederci!”.

La Maglia Rosa Wilco Kelderman, subito dopo l’arrivo, ha dichiarato: “Che bello correre con la Maglia Rosa. Sono abbastanza fiducioso di riuscire a conservarla anche domani.
Stamattina c’era un tempo pessimo, faceva freddissimo, questa settimana è stata dura e per il nostro sistema immunitario è rischioso. Sono grato ad RCS Sport per averci ascoltato ed aver accorciato la tappa”.