Commisso
Gabriele Maltinti/Getty Images

L’operazione Chiesa è ormai chiusa e confezionata, la Fiorentina ha venduto il proprio gioiello alla Juventus proprio nell’ultimo giorno di mercato, assecondando il giocatore che non voleva più rimanere in viola.

Federico Chiesa
Gabriele Maltinti/Getty Images

Una questione spinosa su cui Commisso si è soffermato parecchie volte, tornandoci su ai microfoni di RTV38 per esprimere ancora il proprio pensiero: “sono deluso per come si è comportato Federico, non mi ha chiamato e non è venuto nemmeno a salutarmi. Pensate, abbiamo dovuto mandare i documenti a Coverciano per le firme perché non voleva venire al centro sportivo. Il padre Enrico mi ha mandato un messaggio, non Federico. Diciamo che un povero immigrato dall’America ha dovuto finanziare gli Agnelli visto che i soldi arriveranno in cinque anni. Mi dicono che dovevo venderlo lo scorso anno: ma cosa avreste detto se, appena arrivato, lo avessi dato alla Juventus? Senza contare che nessuno mi aveva portato un’offerta importante per lui“.