vettel
Pool/Getty Images

Decimo posto e un solo punticino per Sebastian Vettel dopo il Gran Premio del Portogallo, dove il tedesco non ha certamente brillato al contrario di Charles Leclerc, riuscito a ottenere un ottimo quarto posto.

Vettel
Peter Fox/Getty Images

Una disparità palese tra i due compagni di squadra, della quale però Seb non è sembrato preoccuparsene più di tanto, preferendo insinuare una differenza di trattamento da parte della Ferrari: “non so se il passo fosse così buono. Per me è stato difficile, ho subìto alcuni alti e bassi, con alcuni giri che sono andati bene e altri no. Devo dire che ho faticato parecchio, in generale tutto quest’anno è stato molto difficile. Da parte mia ci sono tante difficoltà a mettere le cose insieme a livello di assetto, mentre per Leclerc le cose sembrano andare per il verso giusto. Il primo giro è stato molto complicato per tutti, soprattutto per noi. Non riuscivamo ad avere fiducia nelle gomme, poi abbiamo recuperato ma non possiamo essere contenti del decimo posto. Se la macchina è migliorata? Non lo so. Gli aggiornamenti che abbiamo portato non sono grossi progressi bensì piccole cose. È più o meno la stessa macchina rispetto all’inizio dell’anno”.

Vettel
Dan Mullan/Getty Images

Il tedesco poi ha proseguito: “questa pista per qualche motivo era un po’ più adatta a noi. Eravamo qui con il massimo carico aerodinamico, che si adatta a questa macchina. Leclerc guida oltre i problemi? Non credo. Penso che stia facendo molto bene ma non mi sembra che stia nascondendo i problemi della macchina. È molto veloce e sembra a suo agio quando spinge: se spingo io, invece, gran parte delle volte la macchina va fuori pista. Le sto provando tutte e continuerò a provare, ma pur lavorando tanto non troviamo soluzioni con gli ingegneri. Non ho molte altre opzioni, devo continuare a perseverare cercando di dare il massimo”.