Hamilton
Rudy Carezzevoli/Getty Images

Giornata speciale per Lewis Hamilton in Portogallo, il pilota britannico ha infatti conquistato la vittoria numero 92 della sua carriera, superando il record di Michael Schumacher e diventando il più vincente nella storia della Formula 1. Un hat trick quello dell’alfiere della Mercedes, capace di portare a casa anche pole position e giro veloce, lasciando dunque solo le briciole a Valtteri Bottas.

Hamilton
Peter Fox/Getty Images

Ma non è stato tutto rose e fiori per Hamilton, il britannico infatti ha dovuto fare i conti con un crampo al polpaccio destro che non gli ha consentito negli ultimi tre giri di spingere a dovere in rettilineo. A rivelarlo è stato proprio Lewis nel post gara: “sapete che la F1 è uno sport incredibilmente fisico, ho dovuto fare i conti con un crampo al polpaccio destro. Quindi sul rettilineo sono stato costretto a sollevare il piede dal gas perché sentivo tirare sempre di più un muscolo del polpaccio destro. È stato piuttosto doloroso, ma ho dovuto cercare di andare oltre perché non avrei potuto fare alzare il piede per tutto un giro“.

Hamilton
Joe Portlock/Getty Images

La conferma alle parole di Hamilton è arrivata guardando il susseguirsi dei suoi tempi sul giro, passati dall’1’18″750 della 63ª tornata all’1’20″430 della 65ª, quasi due secondi più lento.