Hamilton
Joe Portlock/Getty Images

Suona l’allarme in casa Mercedes, precisamente nel box di Lewis Hamilton, che ha chiuso la seconda sessione di prove libere del GP del Portogallo con un anonimo ottavo tempo.

Hamilton
Pool/Getty Images

Colpa dello scarsissimo feeling avuto con la W11 nel pomeriggio, come ammesso dal britannico a fine giornata: “in molti punti non riesci a vedere dove stati andando. In uscita di curva 8 guardi il cielo per un po’ e non sai cosa ti aspetta dopo lo scollinamento. Lo stesso capita anche in curva 11. E’ un tracciato impegnativo ed inoltre la superficie è molto liscia. Oggi abbiamo visto molti piloti compiere parecchi errori. Non è stata una giornata semplice. Al mattino sono andato bene, anche se non mi sentivo totalmente a mio agio con la vettura. Poi abbiamo effettuato delle modifiche di assetto per le FP2 ed il feeling è stato terribile. Sono stato costretto a fare marcia indietro e capire cosa ho sbagliato nel set-up. Vediamo se domani riusciremo a migliorare“.