Mekies
Mark Thompson/Getty Images

Un altro sabato da dimenticare per la Ferrari che, dopo i miglioramenti in qualifica registrati a Portimao, torna nelle retrovie a Imola, una pista su cui è complicato sorpassare. Settimo Leclerc e quattordicesimo Vettel, un risultato deludente che complica maledettamente anche la gara di domani.

Mekies
Charles Coates/Getty Images

Sulle prestazioni dei due piloti si è soffermato Laurent Mekies, apparso tutt’altro che soddisfatto: “una qualifica abbastanza simile a quella di sette giorni fa, anche se speravamo in qualcosa di meglio. Peraltro, ciò implica la conferma della crescita del nostro potenziale rispetto alla fase centrale del campionato, pur su una pista dalle caratteristiche diverse da quella di Portimão. La quarta posizione, quello che è ragionevolmente il nostro obiettivo in questo momento, ci è sfuggita per poco più di un decimo con Charles, che comunque per la nona volta quest’anno è fra i primi dieci del sabato pomeriggio. Sebastian è sembrato essere più a suo agio con la vettura ma non è riuscito a passare il taglio della Q2 e si troverà a scattare nuovamente dalla seconda metà della griglia, pur con il vantaggio di poter scegliere la migliore mescola con cui fare la prima parte della gara”.

Vettel
Rudy Carezzevoli/Getty Images

Il direttore sportivo della Ferrari poi ha concluso: “con il formato del weekend compresso in due giorni c’è ovviamente meno tempo per preparare nella solita maniera la gara, considerato che i long run effettuati oggi sono un po’ meno rappresentativi: ci sarà quindi un’incognita in più da tenere presente. L’obiettivo resta comunque immutato: fare il massimo di punti con entrambi i piloti per recuperare terreno nella classifica Costruttori”