Leclerc
Pool/Getty Images

Sarà un fine settimana molto particolare quello che attende la Formula 1, che farà tappa nell’inedita pista di Portimao su cui molti piloti non hanno mai corso. Sarà dunque un banco di prova importante per tutti, anche per la Ferrari, che si presenta in Portogallo con alcuni aggiornamenti sulla SF1000.

Binotto
Peter Fox/Getty Images

Li ha svelati Enrico Cardile, Head of Performance Development del Cavallino, ai microfoni del sito ufficiale della scuderia: “già a Sochi avevamo introdotto alcune piccole modifiche all’aerodinamica della monoposto, cui se ne sono aggiunte altre al Nürburgring. A Portimao avremo un’ulteriore sviluppo, concentrato sul diffusore, che completerà il programma predisposto nei mesi scorsi. Contiamo di vedere un miglioramento nella prestazione della SF1000, sarebbe molto utile per poterci rimettere perlomeno alla guida di quel gruppo di vetture e piloti che attualmente si gioca in pochissimi decimi le posizioni sulla griglia dalla quarta in giù. Quest’anno solamente in poche occasioni abbiamo potuto lottare per un posto al sole della seconda o terza fila e il nostro obiettivo da qui a dicembre è di essere costantemente in lizza per quelle posizioni“.

squadra Ferrari
Mark Thompson/Getty Images

Per quanto concerne la prossima stagione, Cardile ha ammesso: “riteniamo che sia il retrotreno l’area dove ci sono più margini di miglioramento. Lo dico non soltanto perché è in quella parte della monoposto dove sono state introdotte delle modifiche piuttosto rilevanti al regolamento tecnico ma anche perché siamo convinti che, per come la nostra vettura è stata impostata, si possa davvero ottenere un progresso significativo. È per questo che abbiamo deciso di spendere i due gettoni permessi dal regolamento proprio lì. Ricordiamoci infatti che l’anno prossimo, infatti, non si potranno modificare tutte le componenti base della vettura ma solo alcune, il cui valore è determinato dalla FIA in gettoni: ogni squadra ne ha due a disposizione“.