Max Verstappen
Foto Getty / Pool

Un fulmine a ciel sereno che sconquassa la serenità del paddock, un annuncio ufficiale che spiazza sia i tifosi che gli addetti ai lavori. Alla fine del 2021 la Honda lascerà la Formula 1, chiudendo quest’ultima parentesi iniziata nel 2015 con la collaborazione con la McLaren.

Max Verstappen
Foto Getty / Bryn Lennon

L’emergenza Coronavirus è la motivazione con cui il colosso giapponese ha spiegato questa clamorosa presa di posizione, che obbligherà nel 2022 sia la Red Bull che l’AlphaTauri a trovarsi un nuovo fornitore di motori. A nulla sono bastate le cinque vittorie ottenute nell’ultimo anno e mezzo, quattro con Verstappen e una recente con Gasly, la Honda ha deciso di lasciare sfruttando la clausola concessa da Chase Carey all’intero del Patto della Concordia firmato poche settimane fa. Il CEO uscente di Liberty Media ha permesso ai Costruttori la possibilità di recedere dal circus senza pagare alcuna penale al promotore, avvisando entro il mese di marzo dell’anno prima.

Carey
Quinn Rooney/Getty Images

Una clausola insana che Bernie Ecclestone non avrebbe mai concesso, per non ritrovarsi poi in questa delicata situazione. Sarà una patata bollente che dovrà gestire Stefano Domenicali, chiamato a prendere il ruolo di Carey all’inizio del 2021. Difficile che la Red Bull torni a fare affari con la Renault, considerando il modo in cui le parti si sono lasciate alla fine del 2018, più facile che il team di Milton Keynes guardi altrove, magari rivolgendosi proprio alla Mercedes, autentica dominatrice dell’era ibrida che potrebbe allargare i propri orizzonti. L’uscita della Honda alla fine del 2021 determinerà una nuova sfida per la Formula 1, una battaglia da non perdere per permettere al circus di continuare a regalare quello spettacolo che finora ha concesso ai propri appassionati.

Max Verstappen
Bryn Lennon/Getty Images

Questa la nota dell’ufficialità dell’addio alla Formula 1 della Honda: “Honda annuncia la decisione di concludere la sua partecipazione al campionato mondiale di Formula 1 come fornitore di propulsori alla fine della stagione 2021. L’avventura in F1 è ripresa nel 2015 con l’obiettivo di vincere utilizzando le proprie tecnologie sui propulsori ibridi. Inizialmente, Honda ha incontrato una serie di difficoltà; tuttavia, dimostrando la forza collettiva di ‘All Honda’, compreso l’utilizzo delle sue tecnologie per i motori aeronautici, si è riuscito a raggiungere un alto livello di competitività. Inoltre, grazie alla crescita raggiunta insieme a Red Bull Racing e Scuderia AlphaTauri, Honda è stata in grado di centrare la vittoria, tre volte nel 2019 e due finora nel 2020. Continueremo a lavorare in Formula 1 insieme a Red Bull e AlphaTauri per continuare a competere con il massimo impegno e a lottare per più vittorie fino alla fine della stagione 2021. Con uno ‘spirito di sfida’ coltivato attraverso le attività di sport motoristici, Honda affronterà la nuova sfida della futura realizzazione dell’azzeramento delle emissioni di CO2″.