Dovizioso
Mirco Lazzari gp/Getty Images

Una scena brutta da vedere, che conferma come il clima in casa Ducati sia davvero teso. La reazione furiosa di Andrea Dovizioso nel corso delle Qualifiche del GP di Aragon è uno di quei segnali da cogliere immediatamente, provando a ricucire uno strappo che potrebbe costare davvero il titolo mondiale.

Dovizioso
Mirco Lazzari gp/Getty Images

I punti di distacco da Fabio Quartararo sono 18, ma domani il Dovi partirà tredicesimo e il Diablo primo: una distanza enorme che il forlivese difficilmente riuscirà a ridurre. L’unica soluzione sarebbe quella di limitare i danni, ma con una squadra che non ti appoggia, anche centrare la top-5 appare complicato. Quanto accaduto oggi ne è la dimostrazione, con due scie regalate da Dovizioso a Petrucci senza riceverne alcuna. Una strategia pessima che condiziona l’unico pilota tra i due coinvolto nella lotta iridata.

dovizioso
Mirco Lazzari gp/Getty Images

Una coincidenza? Considerando come le parti hanno deciso di lasciarsi a fine anno forse no, ma difficile credere che la Ducati non voglia portare a casa un titolo seppure con un pilota che a fine stagione abbandonerà Borgo Panigale. Domani sarà il primo banco di prova, in caso di esito negativo il Mondiale sarebbe ormai compromesso: non resta a Dovizioso che raschiare il fondo del barile per rimanere in corsa. Conto tutto e tutti, Ducati compresa.