Gennaro Gattuso
Foto Getty / Emilio Andreoli

Il Napoli riscatta la sconfitta subita in Europa League contro l’AZ Alkmaar e vince il derby campano contro il Benevento, imponendosi in rimonta per 1-2 sulla squadra di Inzaghi. Un risultato voluto e meritato per gli azzurri, saliti così a 11 punti in classifica in attesa di conoscere l’esito del ricorso contro il 3-0 a tavolino inflitto per la mancata presentazione all’Allianz Stadium per il match con la Juventus.

Francesco Pecoraro/Getty Images

Gennaro Gattuso ha commentato con il sorriso la vittoria del Vigorito, intervenendo ai microfoni di Sky Sport: “questa vittoria ha la stessa importanza delle altre. È un derby, dopo che giovedì abbiamo speso tanto e perso una partita che non meritavamo di perdere. Sapevamo che dovevamo giocare il primo tempo in maniera diversa, ma abbiamo dato continuità alla partita contro l’Az Alkmaar con un fraseggio sterile. Nel secondo tempo è venuta fuori la qualità della squadra”.

Napoli
Francesco Pecoraro/Getty Images

Gattuso poi si è soffermato sul rinnovo del contratto: “sono contento di lavorare a Napoli e di avere a che fare con le persone che gestiscono la società, così come sono contento di allenare questi giocatori. C’è un problema, non credo tanto nei contratti. Se un giorno mi si chiude la vena prendo e me ne vado a casa. Il presidente sapete com’è fatto, lui si tutela con le clausole ed io faccio fatica. Vado d’accordo con presidente e direttore, così come i giocatori. La voglia è di rimanere, ma forse sono uno all’antica: voglio essere libero e lavorare con tranquillità. Se il presidente mi dice di firmare un contratto di sei mesi firmo subito. Voglio sentirmi libero”.

Juventus-Napoli
Valerio Pennicino/Getty Images

Infine, l’allenatore del Napoli ha parlato del 3-0 a tavolino subito contro la Juventus: “non siamo stati noi a decidere. Fino alle 18.55 eravamo sul pullman, poi ci hanno detto di non partire. Spero di giocarla e di vedere la classifica reale per quello che abbiamo fatto. Se arriveranno altre decisioni, pazienza. La mia squadra non ha undici punti, ma dodici in quattro partite”.