Roma, 12 set. (Adnkronos) – “Il rischio che l’Italia non riesca a sfruttare pienamente le risorse messe a disposizione dall’Unione europea sono altissime. Lo conferma quanto sta accadendo sul decreto Semplificazioni che, da un lato, ha confermato che il governo ragiona secondo la logica dei microinteressi e, dall’altro, ha aumentato i vincoli burocratici anzichè ridurli. Il tutto rende incerto l’orizzonte se si pensa anche che l’Italia ancora non è riuscita ad impegnare i 75 miliardi di euro del periodo 2014/2020 e ormai siamo all’ultimo anno disponibile”. Lo afferma senatore di Forza Italia Gilberto Pichetto Fratin, capogruppo in commissione Bilancio e responsabile nazionale del dipartimento Finanze e Bilancio.
“Dinanzi a questo -aggiunge- è legittimo chiedersi se questo governo sia in grado di cogliere la sfida della modernizzazione che i fondi europei ci pongono dinanzi. E questo a maggior ragione perchè le linee guida che ha presentato il governo si presentano soltanto come un insieme di buoni propositi e slogan, ma che sono ben lontani da quello che l’Europa ci chiede per accedere ai fondi”.