Milano, 13 set. (Adnkronos) – ‘Non dobbiamo drammatizzare, lo scambio di strumenti fra ragazzi può essere regolato e se si seguono le linee che sono state date sul distanziamento e sull’igiene personale. Credo che i rischi si possano non proprio azzerare, ma dobbiamo tenerlo in un range che sia lontano dalla psicosi”. Lo ha detto Alberto Zangrillo, responsabile dell’Unità operativa di Terapia intensiva generale e cardiovascolare dell’Irccs ospedale San Raffaele di Milano in collegamento con ‘L’Aria che tira’ su La7.