Rimini, 4 set. (Adnkronos/Labitalia) – ‘Abbiamo intrapreso una strada di successo e intendiamo assolutamente andare avanti”. Con queste parole Luciano Tommaso Ponzi, presidente di Federpol, Federazione italiana Istituti investigazioni informazioni e sicurezza, ha ufficialmente aperto il 63mo congresso nazionale della categoria, in programma fino al 6 settembre, al Grand Hotel di Rimini. La prima giornata di lavoro, interamente dedicata alla formazione, ha visto ieri avvicendarsi sul tavolo degli oratori i maggiori esperti del settore, assieme agli sponsor dell’iniziativa, che hanno illustrato alla platea le nuove e più avanzate tecnologie offerte dal mercato in ambito investigativo.
‘Ho sempre pensato – ha sottolineato il presidente Ponzi – che i congressi siano l’occasione migliore per tracciare una linea e stilare un bilancio di quanto fatto. Il nostro non può che essere un bilancio positivo soprattutto alla luce del fatto che, grazie alla sinergia creata con la Confederazione datoriale come Sistema Impresa, siamo riusciti nel gennaio scorso a siglare, nella sede del Cnel, un importante contratto collettivo nazionale di lavoro che sarà utilizzato, speriamo, da tutti nella categoria. Oltre a questo – conclude Ponzi – abbiamo realizzato altri obiettivi importantissimi, soprattutto dal punto di vista della formazione, non ultimo la creazione di un corso di laurea ad hoc in investigazioni”.
Oltre 600 le presenze previste in una kermesse, rigorosamente a inviti, che regalerà agli intervenuti anche momenti di svago attraverso serate di gala, con i più noti detective a livello nazionale, imprenditori ed esponenti del mondo delle istituzioni.
‘Il 63mo Congresso Federpol – ribadisce il presidente di Sistema Impresa, Berlino Tazza – scandisce il tempo della proficua collaborazione con la Confederazione Sistema Impresa. Nella splendida cornice del Grand Hotel di Rimini, ho potuto rappresentare i grandi traguardi ottenuti assieme al presidente di Federpol, Luciano Tommaso Ponzi. Su tutti, il nuovo ccnl per le agenzie investigative leader del settore, che abilita i soci Federpol all’accesso alla formazione continua gratuita, grazie al Fondo Formazienda e alla sicurezza sul lavoro e welfare aziendale finanziato dall’ente bilaterale Ebiten”.
Sulla necessità di una formazione adeguata per gli addetti ai lavori si è soffermato Roberto Mugavero, presidente di Osdife: ‘Di fronte alle nuove sfide per la sicurezza, sia tradizionali che emergenti, la cooperazione tra settore pubblico e privato e l’approfondimento dei temi collegati alla formazione, alla ricerca e all’innovazione sono, e saranno sempre più, elementi imprescindibili per affrontare i correnti e futuri scenari caratterizzanti il campo dell’investigazione. In questo il Congresso Federpol, così come le diverse iniziative che la Federazione propone con continuità sul territorio nazionale, si pone come un importante momento di promozione nello scambio di conoscenze ed esperienze tra enti, organizzazioni, professionisti ed esperti del settore”.
Dopo la prima giornata dedicata alla formazione, i lavori proseguono oggi con l’apertura ufficiale del 63mo congresso.