Roma, 13 set. (Adnkronos) – Ai giovani “non promettiamo la bella vita, ma se vincono le nostre idee noi promettiamo una vita bella”. Così il segretario dem Nicola Zingaretti, chiudendo la Festa nazionale dell’Unità a Modena.
“Siamo gli eredi – rivendica – di quegli uomini e quelle donne che hanno ricostruito l’Italia col sangue di 18enni partigiani, che ci hanno consentito di essere qui, loro davanti ai fucili dei nazisti non si sono girati dall’altra parte, non cantavano ‘Bella Ciao’ per ambire a fare carriera in politica, ma per darci la libertà. E’ bellissimo che i movimenti giovanili abbiano risvegliato questo canto nelle piazze, nelle strade: noi dobbiamo esserne degni”.