daniele de santis eleonora manta

Desiderio di vendetta: Un piatto da servire freddo… È vero che la vendetta non risolve il problema ma per pochi istanti ti senti soddisfatto“, queste parole, condivise da Antonio De Marco lo scorso luglio sui social, lette oggi, fanno rabbrividire.

Il 21 enne di Casarano, arrestato perchè accusato di essere il killer dell’arbitro Daniele De Santis e della fidanzata Eleonora Manta, ha confessato l’omicidio: “ho fatto una cavolata . So di aver sbagliato. Li ho uccisi perché erano troppi felici e per questo mi è montata la rabbia“, ha dichiarato durante l’interrogatorio.

60 coltellate, un gesto folle programmato da tempo. Il piano di De Marco è davvero raccapricciante: il killer aveva in mente di immobilizzare le vittime con delle fascette, torturarle e ucciderle per poi ripulire tutto con “acqua bollente, candeggina e soda”. Nei piani di De Marco anche una scritta sul muro per mandare un messaggio alla città.