valentino rossi
Mirco Lazzari gp/Getty Images

Giornata davvero positiva per Valentino Rossi dentro e fuori dalla pista. Sul tracciato di Barcellona il ‘Dottore’ ha chiuso al terzo posto in qualifica e partirà dalla prima fila in gara, mentre pochi minuti prima aveva ufficializzato l’accordo con Petronas.

valentino rossi
Mirco Lazzari gp/Getty Images

Valentino Rossi ha commentato così la sua giornata in pista: “è stato un buon sabato, sinceramente già venerdì la moto era competitiva e avevo un buon feeling. Oggi abbiamo lavorato bene, abbiamo fatto piccole modifiche che mi hanno permesso di migliorare. Nelle FP3 già avevo un buon passo comunque. Iniziare nella prima fila è una cosa buona, anche perchè la prima curva arriva dopo un po’ quindi è importante dare il massimo fin dall’inizio e fare una buona gara. Non abbiamo scelto ancora le gomme, domani mattina fare il paragone durante il warm up. Dipende anche da ciò che succede questa sera, se il tempo tiene, le previsioni non sono fantastiche. Speriamo che la pista rimanga asciutta. La soft è sempre meglio all’inizio ma poi è troppo morbida, con le medie c’è meno grip all’inizio ma poi sembrano più  stabili.

valentino rossi
Mirco Lazzari gp/Getty Images

Barcellona è un tracciato con poco grip, c’è sempre molto slide, venendo da Misano è stato uno shock perchè lì c’è molto grip. Per me però quest’anno è meglio, c’era molto caldo l’anno scorso ed era molto difficile per gomme e piloti. Quest’anno c’è una temperatura migliore. Per l’anteriore credo sceglierò la media, per la posteriore la scelta è aperta: la soft è una possibilità, ma ache la media non è male. La differenza nella performance non è grande, con la media forse si ha più stabilità. Strategia per domani? Non sono lontano dalla vetta in termini di punti, ho perso terreno a Misano, ma sono in 9ª posizione. Domani proverò a dare il meglio, difficile oggi fare dei calcoli, devo cercare di fare più punti possibili“.

valentino rossi
Mirco Lazzari gp/Getty Images

Valentino Rossi si è poi espresso così in merito all’accordo con Petronas: “sono molto contento dell’accordo e fiero della decisione perchè voglio continuare a gareggiare. La mia idea ad inizio stagione era quella di capire se fossi ancora competitivo, poi ho parlato con Lin, la Yamaha e la Petronas. È dal 2013 che sono in Yamaha, nel secondo stint. Questo passaggio in Petronas è positivo, vorrei ringraziare Lin e la Yamaha per il sostegno. Il team Petronas è un team di alto livello, ha raggiunto risultati importanti. In una situazione normale avrei chiesto alla Yamaha di aspettare il Mugello, perchè non mi è piaciuto il risultato dell’anno scorso, ero in difficoltà, non avevo feeling e non ero competitivo al top: se hai questi problemi alla mia età ti fai delle domande. Se guardi le date di nascita e vedi che sei il più vecchio di tutti ti fai delle domande, ma sento di essere competitivo, la motivazione fa la differenza, posso lontare per la vittoria e per il podio.

Prima che arrivasse il Covid Lin mi ha chiamato per dirmi di venire alla VR46, mi sono detto: ‘non è una buona notizia’. Maverick andava forte, Quartararo ha portato risultati incredibili, mi sono detto: ‘Lin viene per licenziarmi’. Gli ho chiesto se mi avrebbe dato una possibilità se avessi voluto continuare, mi ha detto di sì. Da quel momento abbiamo iniziato a lavorare al progetto Petronas. Essere in squadra con Morbidelli è molto bello, se 5 anni fa avresti detto a me o lui che avremmo girato insieme nello stesso team avremmo risposto che sarebbe stato impossibile. “.