Rossi e Pol Espargaro
Mirco Lazzari gp/Getty Images

L’avventura di Pol Espargaro in KTM terminerà alla fine di questa stagione, dopodiché lo spagnolo si trasferirà alla Honda per affiancare Marc Marquez, prendendo il posto del fratello Alex.

Pol Espargaro
Mirco Lazzari gp/Getty Images

Una mossa criticata da Jorge Lorenzo, che ha espresso i propri dubbi sulla scelta di lasciare la Casa austriaca per l’HRC, moto difficile da guidare per tutti tranne che per Marc Marquez. Parole a cui Pol ha risposto per le rime, intervistato ai microfoni del Mundo Deportivo: “si può andare in Honda con paura o con ambizione, voglio imparare dai migliori, capire come fa Marquez ad essere così veloce, toccare con mano e scoprire se la moto è così difficile come dicono. Sapere che ci sono tantissimi piloti che non sono riusciti ad essere veloci con la Honda è a sua volta una bella sfida”.

Pol Espargaro
Mirco Lazzari gp/Getty Images

Lo spagnolo poi ha rivelato un retroscena risalente ai tempi in cui guidava per la Tech3: “la Suzuki mi voleva, ma Jarvis mi convinse a restare nel team clienti della Yamaha dicendomi che Rossi era prossimo al ritiro. In una conferenza stampa poco dopo, però, smentì queste parole e io mi sentii piuttosto male. Da allora mi dissi che, se una nuova casa costruttrice si sarebbe affacciata in MotoGP, l’avrei sposata all’istante. Ed è quello che è avvenuto con KTM“.