valentino rossi
Mirco Lazzari gp/Getty Images

Giornata particolare per Valentino Rossi oggi a Barcellona, le due sessioni di libere non hanno lasciato di buon umore il Dottore, trovatosi a disagio soprattutto a causa dello scarso grip della pista.

Rossi
Robert Cianflone/Getty Images

Un problema non di poco conto, che ha lasciato di stucco il pilota della Yamaha, come ammesso da lui stesso a fine giornata: “sono solo decimo nella cumulativa, ma il feeling è migliore. Il mio passo è abbastanza buono, anche se sicuramente abbiamo bisogno di lavorare su diversi aspetti, perché c’è molto slide al posteriore, ma mi sento molto bene sulla moto. E’ uno shock entrare in pista qui dopo Misano, perché sembra uno scherzo. Dietro c’è veramente pochissimo grip, scivola tantissimo ed è dura per tutti. Le gomme erano state scelte per venire qui a giugno, invece è la fine di settembre. Quelli della Michelin dicono che secondo loro avrebbe dovuto essere come a giugno, ma a me non sembra, perché è un po’ più freddo. Ma credo che la Michelin non avesse il tempo di cambiare le gomme, quindi bisognerà arrangiarsi con quelle che abbiamo, anche se siamo tutti in difficoltà“.

Rossi e Morbidelli
Mirco Lazzari gp/Getty Images

Il Dottore poi ha ammesso come i risultati ottenuti siano positivi rispetto al passato, confermando come domani arriverà l’annuncio del suo passaggio in Petronas: “domani arriverà l’annuncio ufficiale, sono contento di andare con Petronas. Stavo molto bene anche qui con il team factory, però la cosa più importante è che tecnicamente sono molto bravi anche in Petronas e penso che mi troverò molto bene. L’anno scorso ero molto frustrato. Dopo alcune gare positive ed un paio di podi avevamo perso la strada e facevo davvero tanta fatica. Il Mugello era stato un incubo. A Barcellona c’era stato l’incidente con Lorenzo, poi Assen ed il Sachsenring erano state un disastro. A parte il risultato, non riuscivo a guidare la moto come avrei voluto. Ho cambiato alcune cose nel team e mi ero detto che se avessi continuato ad avere il feeling del 2019 mi sarei fermato, ma la situazione ora è molto migliore. E’ difficile, perché il livello è molto alto, ma stiamo lavorando bene e possiamo essere competitivi. Con questi risultati, è giusto continuare un altro anno“.

morbidelli
Mirco Lazzari gp/Getty Images

Su Morbidelli, il pesarese ha sottolineato: “Franco quest’anno sta andando molto forte, l’anno scorso per lui era il primo anno con la Yamaha, quindi ha avuto bisogno di un po’ di tempo. Ha reagito molto bene ad avere un compagno di squadra come Quartararo: lui doveva essere l’uomo di punta, invece è arrivato Fabio, che ha fatto delle cose veramente da fenomeno. Franco però ha lavorato, si è dato da fare e quest’anno si sta allenando veramente da paura. Se non avesse avuto tutti questi problemi, sarebbe lì davanti con tutti quelli che sono ad 80 punti. Io lo metto assolutamente allo stesso livello di Quartararo, Vinales e Mir, che sono i giovani che sono più in forma. L’anno prossimo quindi sarà tosta, non sarà un compagno di squadra facile“.