dovizioso
Mirco Lazzari gp/Getty Images

Andrea Dovizioso chiude al 7° posto la gara di Misano, confermando le difficoltà avute per tutte il weekend. Ma diventa leader del Mondiale (a causa della caduta di Quartararo).

Il pilota Ducati sa bene però che per diventare campione a fine stagione dovrà migliorare tanti aspetti della sua moto: “siamo in testa e va bene, ma spero nel test di martedì qui per lavorare su certe cose che per me sono ancora inspiegabili, sennò non abbiamo carte per giocarcela nel Mondiale. Il punto è che non guido come dovrei, ma Bagnaia ha fatto una gara strepitosa e gli faccio i complimenti: serve di più, io dovrei guidare diversamente, ma non mi viene istintivo e quello che faccio non è sufficiente. Comandano le gomme e ti ci devi adattare tu, non c’è altro da fare. Io continuerò a lavorare su di me, sono umile ma se sei forte in un punto e inizi a doverlo affrontare diversamente diventa tutto più complicato anche perché ogni turno del week end è una lotta e cambiare queste cose nella stagione è molto difficile. La leadership? Siamo davanti, sì, ma se non hai velocità non la vivi serenamente“.