Milano, 4 set. (Adnkronos) – Il mandato di Giuseppe Sala a Milano “non è finito” e il sindaco vuole coinvolgere i cittadini in un progetto collettivo, chiedendo a loro come vorrebbero cambiare la città. In un lungo post su Facebook il sindaco elenca le “idee chiare” e quanto programmato finora (ex scali, Olimpiadi, metro nuove, 5G), spiegando che nei prossimi nove mesi “ci sono una serie di questioni ancora tutte da affrontare”. Ad esempio, “gli affitti a Milano sono troppo alti e rischiano di portare parte della popolazione più giovane a dover lasciare la città. Una soluzione non è facile da individuare, essendo tecnicamente non semplice inserirsi in accordi tra privati. Ma ci lavoreremo, su questo e su altro”.
Anche per questo, a ottobre “chiamerò i milanesi a una riflessione collettiva sul nostro futuro. Non si tratterrà di una discussione vana, di un’ennesima edizione di Stati Generali. Anzi – dice – ribalteremo la prospettiva. Non un brainstorming in un cui si discute di tutto come se si partisse da zero: piuttosto la presentazione del nostro progetto, partendo da quanto fatto e pronti ad accogliere censure, emendamenti, idee migliorative sul futuro. Con un processo serio, strutturato e molto esteso che metterà tutte le rappresentanze, le competenze e le volontà pubbliche e private a confronto”.
Il sindaco intende studiare insieme “come percorrere le strade della nuova normalità. Tutti sono invitati, a patto che siano animati dalla volontà di mettere a disposizione le proprie competenze e da un sincero amore per questa città. Milano, la nostra città”.