Luis Suarez
Foto Getty / Juan Manuel Serrano Arce

Spunta una novità nel caso dell’esame di Luis Suarez presso l’Università per stranieri di Perugia. Nell’ordinanza di autorizzazione delle perquisizioni di ieri emanata dal procuratore capo di Perugia, Raffaele Cantone, erano stati contestati fin qui reati di “falsità ideologica” e di “rivelazione di segreto di ufficio”, ma secondo gli inquirenti ci potrebbe essere anche quello di concorso in corruzione. Secondo quanto riportato dall’Ansa, nell’avviso di garanzia, alla rettrice Giuliana Grego Bolli si citano infatti gli articoli 110 e 319, l’ultimo dei quali descrive l’ipotesi di reato del concorso in corruzione, punendo chiunque “riceva denaro o altra utilità o ne accetti la promessa per compiere un atto contrario ai suoi doveri d’ufficio.