norris verstappen
Robert Cianflone/Getty Images

Non capisco perché la gente continui a dire che non possa essere motivato. Faccio uno dei migliori lavori del mondo, guido una macchina velocissima e sono sempre in lotta per il secondo e terzo posto. Una gara l’ho anche vinta, trovo assurdo che uno pensi il contrario“. Max Verstappen interviene così nella conferenza stampa che anticipa il weekend di Monza e spegne ogni possibile voce in merito al suo attuale stato d’animo.

Max Verstappen
Bryn Lennon/Getty Images

Seppur la differenza di valori rispetto alle Mercedes sia ben visibile a tutti, il pilota della Red Bull continua ad essere l’unico in grado di mettere in difficoltà le frecce nere: “è veramente stupido, amo quello che faccio ogni weekend e cerco sempre di mettere in difficoltà i miei avversari, poi se non è possibile allora provo ad ottenere il miglior risultato possibile con quello che ho. E mi sto comunque divertendo. Sicuramente non mi arrendo, ma bisogna anche essere realistici e in questo momento siamo troppo lenti. Ci serve fortuna per vincere gare e prendere punti pesanti, poi è vero che per ora siamo ancora in lotta, ma ad ogni GP perdiamo almeno 7 punti e arriveremo ad un punto che il distacco sarà troppo ampio. Per cui è meglio essere onesti e realistici. In ogni weekend provo sempre a dare il massimo, ma a Spa eravamo mezzo secondo più lenti al giro, quindi non possiamo lottare con loro per ora. Nuovi regolamenti sulla mappa del motore? Sinceramente renderà tutto più semplice, ma non per questo sarà meno dura di prima. Diciamo che alla ripartenza, o al via, avrai una modalità sola e questo per me è meglio. Dopo le qualifiche sappiamo che non è consentito intervenire sulla macchina, ma sulla mappa del motore sì. In questo modo possiamo andare in una direzione unica“.