leclerc
Pool/Getty Images

L’anno scorso Monza festeggiava la straordinaria vittoria di Charles Leclerc, pronto a passare da ‘futuro’ della Ferrari a splendido ‘presente’. Un anno dopo siamo di nuovo a Monza, ma il presente della Ferrari è tutt’altro che splendido e non è certo colpa di Leclerc. La monoposto 2020 è nata sotto una cattiva stella: non vede nemmeno le dirette concorrenti e fatica contro le rivali di centro classifica, contribuendo solo alla frustrazione dei piloti.

Leclerc proverà a mettercela tutta, pur consapevole di non avere una macchina da podio: “siamo consapevoli di non avere lo stesso livello di competitività del 2019 e per questo già sappiamo che non sarà un fine settimana facile. Non per questo però arriviamo demotivati all’appuntamento. Metteremo insieme gli sforzi di tutti per portare a casa il miglior risultato possibile. Lo scorso anno ho vissuto qui l’emozione più forte della mia vita agonistica passando per primo sotto la bandiera a scacchi. Purtroppo questa volta le tribune saranno vuote dal momento che i tifosi, che un anno fa seppero rendere indimenticabile la cerimonia del podio, non potranno avere accesso all’autodromo“.