Hamilton
Rudy Carezzevoli/Getty Images

Stanno cercando di boicottarmi, ma va bene così. Sono abbastanza sicuro che nessuno abbia mai ricevuto due penalità di cinque secondi per qualcosa di così ridicolo“. Era stato questo il commento rilasciato da Lewis Hamilton al termine della gara di Sochi. Il pilota Mercedes aveva ricevuto una doppia, ingenua, penalità poi trasformata in multa per la Mercedes che gli è costata il successo nel Gp di Russia e l’aggancio alle 91 vittorie in carriera di Michael Schumacher.

Michael Masi si era già espresso in proposito, chiarendo che il pilota Mercedes non fosse al centro di nessun ‘complotto’, ma adesso anche Hamilton sembra ritrattare la propria posizione. Attraverso una storia Instagram il campione britannico si è scusato dicendo: “posso non comportarmi sempre bene di fronte alle avversità, potrei non reagire sempre nel modo in cui si vorrebbe che facessi quando le tensioni sono alte, ma dopotutto sono un essere umano e ho una gran passione per quello che faccio. Sto imparando e crescendo ogni giorno, apprenderò dalle lezioni e continuerò a lottare. Grazie a coloro che continuano a sostenermi e sono lì a combattere con me“.

Lewis Hamilton scuse social complotto