Hamilton
Bryn Lennon/Getty Images

A Sochi posso agguantare Schumacher nel numero di GP vinti in assoluto (91, ndr)? Non mi concentro sui numeri. E la Russia non è differente da qualsiasi altro GP“. Firmato Lewis Hamilton. Il pilota della Mercedes, nella conferenza stampa che precede il Gp di Russia, ha glissato sulla possibilità di raggiungere le 91 vittorie di Michael Schumacher. “Ovviamente per tutti noi piloti, c’è molta emozione per ciò che facciamo con amore, pressione e altro. – ha spiegato Hamilton – Ma sono qui per cercare di battere Valtteri Bottas, che in Russia ha ottenuto la sua prima vittoria in carriera (nel 2017, ndr), le Red Bull che saranno molto veloci e tutti gli altri piloti in pista. So quanto sia difficile, non penso al resto. Vincere un campionato è un qualcosa di prospettiva che all’inizio pensi sia impossibile o fuori portata, e al quale ti avvicini passo passo concentrandoti sul GP successivo. Forse solo dopo molto tempo mi renderò conto di quello che ho fatto“.

Michael Schumacher
Paul Gilham/Getty Images

Il campione in carica si è poi concentrato sul suo rapporto con Schumacher per il quale prova grande ammirazione: “ci sono altri e più grandi problemi che stanno accadendo nel mondo. Ovviamente sarebbe un onore per me se agguantassi Schumi, ma in confronto questo significa nulla. L’ho incontrato per la prima sulla sua pista di kart a Kerpen (Germania, ndr), ma ero piccolissimo e non ricordo bene, anche se fu fantastico. Il ricordo più caro di sempre? Il nostro scambio di caschi ad Abu Dhabi, diversi anni fa. Quel giorno mi dedicò del tempo e a casa mia il suo casco è il più prezioso della mia collezione. Di certo, ho pura ammirazione nei confronti di Michael“.