Bryn Lennon

Oggi è il Vettel Day: il tedesco è riuscito a rubare la scena alla Ferrari, nel weekend del suo 1000° Gp, con l’annuncio della sua firma con Aston Martin. Vettel continuerà dunque a correre anche nel 2021, dopo l’addio al Cavallino.

Rudy Carezzevoli

Non è stato così semplice, ultimi mesi e settimane intense. Situazione diversa dal solito, dal primo giorno volevo restare in F1 ma solo con qualcosa e con chi mi attraeva davvero. E col tempo le cose sono diventate più chiare. La Racing Point ha fatto molti passi in avanti e il nuovo regolamento dovrebbe dare un aiuto per dimostrare il valore. E voglio aiutarli in questo e ciò mi entsiasmo. E’ una cosa che arriva al momento giusto. Sì, ho pensato al ritiro ma poi ho preso la decisione migliore per me“, queste le parole di Vettel ai microfoni Sky dal Mugello.

Io sono ancora alla Ferrari con un weekend importante davanti. E voglio svolgere il lavoro migliore possibile per il team. Sono però interessato a questa nuova scintilla. Il tempo lo dirà come andrà. Troverò persone che conosco e penso che il team sia indirizzato su una strada positiva e inoltre, con quella tracciata dalla F1 per i prossimi anni, è tutto incoraggiante. Far parte della storia delle Aston Marin fa piacere. Non voglio parlare del contratto. Mercedes? Il vantaggio che hanno ci sarà anche negli gli anni a venire, ma è una sfida entusiasmante per me. Voglio gareggiare per le prime posizioni in griglia e non in fondo alla griglia. E questo team vuole crescere. Altre scuderie dovranno ridimensionarsi e tanti altri aspetti mi danno fiducia. Buon passo per me e non vedo l’ora”, ha concluso il tedesco.