Pool/Getty Images

Inizia la seconda parte della stagione, la Ferrari si approccia a questa parentesi del Mondiale 2020 con una piccola dose di ottimismo in più, considerando le novità che dovrebbero vedersi sulla SF1000 in occasione del GP di Sochi.

Mekies
Mark Thompson/Getty Images

Il ds Mekies ha provato a infondere speranza nei tifosi del Cavallino, confermando come gli uomini in rosso non molleranno la presa finché i risultati non miglioreranno: “con il Gran Premio di Russia inizia la seconda parte della stagione. La prima è stata davvero intensa, con nove gare in undici settimane, e tutta la Formula 1 che ha affrontato una sfida grandissima come quella di disputare un Campionato del Mondo durante un periodo di pandemia. Credo che la risposta che è stata data sia molto forte: lavorando tutti insieme – FIA, Formula 1, squadre e media – siamo riusciti a realizzare qualcosa che era tutt’altro che scontato soltanto lo scorso maggio“.

Charles Coates/Getty Images

Sulla situazione della Ferrari, Mekies ha ammesso: “per la Scuderia è stata fin qui una stagione molto difficile, come dimostrano i risultati. Detto questo, non fa parte del nostro DNA mollare la presa, in nessuna circostanza. È questo lo spirito con cui approcciamo anche il weekend di gara di Sochi su una pista che non ci è mai stata troppo amica. Daremo il massimo, consapevoli che i nostri avversari diretti in questo momento sono tanti e competitivi”.

Leclerc
Rudy Carezzevoli/Getty Images

Previste novità sulla SF1000, come sottolineato da Mekies:ci saranno piccoli aggiornamenti aerodinamici che sono parte di un percorso che si completerà nelle prossime gare e che punta a correggere, per quanto possibile, le carenze evidenziate in queste gare, anche e soprattutto in ottica 2021. Il progresso atteso da questo primo pacchetto è piccolo ma ci permetterà di verificarne il funzionamento e avere una base certa per gli sviluppi successivi“.